documenti

odinanza sindaco ’97

Foto 13 luglio ’95

Csa La Torre

Presidio al Campidoglio

Striscione NO SGOMBERI

Giornali 12 luglio 95

Il Messaggero

LA REPUBBLICA
I giorni caldi del centro sociale.
Un corteo pacifico ed estroverso, una marcia di due chilometri lungo la Nomentana per contestare la chiusura del centro sociale “La Torre”, a Talenti. Ha protestato così il popolo degli «spazi autogestiti», che ieri pomeriggio si è dato appuntamento a piazza Sempione. Tre mila persone hanno camminato fino a piazzale Rousseau, dove, dopo le 21, si è svolto il concerto del gruppo rock «Assalti frontali».
Un solo incidente intorno alle l9.3O all’angolo tra la Nomentana e via Graf. Qui, il corteo è inciampato in venti-trenta giovani di destra. Un petardo, qualche insulto, poi una breve scazzottata, subito sedata dalla polizia.
Talenti, il giorno dopo la guerriglia tra forze dell’ordine e i Ragazzi dei Centri, è un quartiere blindato, sorvegliato in ogni angolo. Ieri è sceso in campo ancora una volta Giancarlo Amato, il sostituto procuratore presso la Pretura, che ha firmato l’ordinanza di sgombero e il sequestro dello stabile di via Rousseau. «E in corso un’inchiesta per capire come siano andate le cose martedì -ha detto ai cronisti- il sequestro era necessario perché il tetto era pericolante». Dichiarazioni in contrasto con le perizie dei tecnici del Comune, affermazioni in rotta di collisione con la linea morbida del Campidoglio che ieri, per bocca del capo di Gabinetto Pietro Barrera, condannava «una condotta tendente a creare tensioni e rancori». «È una via sbagliata ed inaccettabile – ha tuonato Barrera – quella di chi rompe i sigilli o cerca prove di forza».
Sulle sorti del centro sociale “La Torre” il quartiere è spaccato in due. Nel giardino della villa che fu del gerarca fascista Farinacci, c’erano ancora i segni della battaglia di martedì. Sei ore di guerriglia, la Nomentana paralizzata per tutto il pomeriggio, cassonetti bruiciati, bottiglie e vetri ovunque.
Polizia nel mrino dei giovani del centro, ma anche bacchettate al Comune: «Rutelli come For- mentini, doppio gioco stessi “Fini” era scritto su uno striscione. «Il sindaco ha sbagliato -ha detto Rocco, dei coordinamento dei centri sociali – ieri non si è pre- sentato davanti alla “Torre ». Il bollettino di guerra di mar tedi parlava di due feriti, Laura e Sonia,investite in via Kantd a una volante che ha imboccato una curva in retromarcia. Quartiere diviso, Campidoglio spaccato a metà sul comportamento della polizia. Dai banchi dell’opposizione sono arrivate accuse pesanti, per bocca di Fabio Rampelli (AN) che ha dato mandato ai suoi avvocati di denunciare il sindaco Rutelli per istigazione alla violenza.
Oggi sarà un’altra giornata calda, i centri torneranno in Campidoglio.

IL MANIFESTO
Una sfilata per la torre. Dopo le cariche di martedi, i centri sociali sfilano in corteo a Montesacro.
Non è un corteo festoso quello che attraversa Talenti. E non può essere diversamente, vista l’aria che tira nei confronti del centri sociali romani. Il giorno dopo l’assalto della polizia a «La torre» è teso, confuso: la questura, che l’altro ieri si è esibita alla grande mettendo sottosopra un intero quartiere e ferendo due ragazze (una delle quali ha riportato la rottura del femore), sembra aver fatto un passo indietro, ma non di tanto. Sul cielo di Montesacro sin dal prinio pomeriggio ronzano gli elicotteri della polizia; mentre i blindati dei carabinierl presidiano più punti della Nomentana. Sembra tutto incomprensibile. Come incomprensibile è stata del resto la carica del1′ altro ieri.
Tornano a farsi sentire anche gli ex picchiatori del Fronte della Gioventù, oggi missionari delle Opere Pie per conto di An. Ai consiglieri comunali del partito di Fini, la delibera del comune che riconosce i centri sociali non è mai andata giù, e ieri, forti della decisione del magistrato Giancarlo Amato di sgomberare di nuovo «La torre», sono tornati alla carica: attaccano il sindaco e chiedono «ordine».
Il Campidoglio, dopo l’ennesimo smacco del magistrato, appare in difficoltà e fa anch’esso un passo indietro: l’assessore al patrimonio Canale, pur ribadendo le critiche all’«ingiustificato intervento della polizia», precisa che «La torre» non è stato an cora assegnato a nessuno, che la richiesta fatta dagli òccupanti deve essere ancora esaminata. Ma la posizione del Campidoglio. forse, si capirà meglio solo oggi pomeriggio. I centri sociali hanno infatti chiesto un incontro al sindaco e indetto contemperaneameute un sit-in al comune.
Maggior chiarezza e decisione alla giunta la sollecita lo stesso presidente (della commissiome affari sociali del comune, il pds Bartolucci, che sollecita l’intervento diretto del sindaco sulla vicenda de «La torre», per «recuperare, dice una situazione deteriorata che può mandare in frantumi il lavoro, fortemente innovativo, messo in campo finora.
Ma torniamo al corteo. Parte da piazza Senipione intorno alle 18, non è numerosissimo, ci sono due, tremIla persone, ma è deciso. Gli slogan sono tutti contro la polizia, ma anche «contro ì’ambiguità del comune». L’apertura è affidata a uno striscione che riecheggia un vecchio slogan dei centri sociali, mai così attuale. «Chiediamo spazi ci danno polizia è questa la loro democrazia». Seguono quelli dei singoli centri, dell’Hal Visto Quinto?, del Forte Prenestino, de la Strada; poi ci sono gli striscioni dell’associazione «Senza Confine», delle donne, di Radio Città Futura, che manda in diretta il corteo. E sono proprio i re-riattori dell’emittente romana che si domandano: «Ma chi ccomanda a Roma?». A solidarizzare con La Torre c’è anche la federazione romana di Rifondazione comunista al completo, con in testa la segretaria Patrizia Sentinelli, i consiglieri regionali Salvatore Bonadonna e Francesco Babusci; il verde Paolo Cento, il senatore progressista Luigi Manconi.
Il corteo fila liscio lungo la via Nomentana, la gente al lati a tratti lo saluta e lo inceraggia. Un attimo di tensione si verifica in via Ugo Oietti, poca prima di arrivare in via Rousseau, dove ha sede il centro sociale; alcuni fascistelli si intromettono nel corteo con frasi provecatorie ma vengono subito allontanati. La manifestazione riprende più tranquilla fino al piazzale antistante «La torre», dove si conclude a tarda sera con un concerto degli Assalti Frontali e degli AK47.
Il centro appare irriconoscibile: dentro e fuori ci sono ancora i resti della battaglia di martedì. Proprio qui nel primo pomeriggio si erano fronteggiati gruppi di abitanti dei palazzi vicini: da una parte il comitato delle mamme dei ragazzi de «La torre», dall’altra gli aderenti ad una fantomatica associazione che odia la presenza del centro sociale.
Sono loro i firmatari dei vari esposti alla magistratura: «Basta con le bandiere rosse; basta coi concerti, vogliamo riposare gridano difendendo la cariche della polizia dell’altro ieri.

Corriere della sera

Il Corteo

Giornali 11 luglio ’95

Corriere della sera

La Stampa

La Repubblica
Tre ore di guerriglia. Nuovo sgombero per La Torre. A Talenti blocchi stradali e sassaiole tra polizia e militanti del centro sociale.
Sassi e lacrimogeni. Cassonetti in fiamme elicotteri a volo radente, barricate abbattute con la ruspa e autobus spostati in mezzo alla strada. La Nomentana paralizzata, il traffico di tutta la zona in «tilt» mentre lo scirocco spargeva folate aspre di gas fino a piazza Sempione.
Scene da guerriglia urbana per tutto il pomeriggio dopo la rioccupazione della Torre, sgomberata venerdi scorso su disposizione del magistrato. Dopo tre ore di battaglia e una lunga trattativa, una sessantina di giovani hanno accettato di lasciare il vecchio edificio (un ristorante abbandonato che il Comune ha già deciso di assegnare ai giovani del Centro sociale) a gruppi di tre. Nessun ferito grave tranne due ragazze che, nel pieno degli scontri, sono andate a sbattere, col motorino, contro una volante. Si è concluso così, almeno per ora, l’ultimo capitolo di una vecchia questione che, dopo mesi e mesi, sembrava ormai avviata verso una soluzione incruenta. Una sorta di «caso Leoncavallo» romano iniziato circa un anno e mezzo fa, quando il brutto palazzetto rossiccio, a forma di fiasco, venne occupato dai giovani del centro per la prima volta. Murales alle pareti, concerti «autogestiti» di rock duro, perfino tornei di briscola per la gente del quartiere.
Sgombrato e nuovamente occupato più volte, l’edificio è destinato, ufficialmente, dal comune ad «attività sociali» e affidato in custodia ai giovani del centro. Ma venerdì pomeriggio arriva l’ordine di evacuazione, motivato secondo il pretore D’Amato, dal fatto che i locali sono pericolanti. «Una valutazione che il comune non condivide affatto» sostiene Mau-nizio Bartolucci, presidente e della commissione politiche sociali del comune di Roma, intervenuto sul posto investe di mediatore «secondo la nostra perizia, il centro era agibile».
Dopo quattro giorni di quiete, ieri pomeriggio, un gruppo di circa settanta ragazzi ha rotto la catena che chiudeva il canceilo e siè barricato all’interno non prima di aver diramato ai giornali una nota dai tono bellicoso, firmato da 13 centri sociali romani. «Siamo rientrati nel centro sociale in via Rousseau, al quartiere Talenti, determinati a rimanervi. Resisteremo a qualsiasi tentativo della Polizia di negarci l’elementare diritto ad uno spazio».
Ma reazione della polizia e dei carabinieri è stata durissima. Il gruppo di militanti rimasto fuori, a presidiare l’ingresso, è stato caricato quasi subito e un blindato che avanzava a passo d’uomo verso il cancello, è stato respinto da un lancio fittissimo di mattoni e barattoli di vernice. Passamontagna sul viso, sprange e bastoni in pugno,gli occupanti hanno bloccato l’entrata e appiccato il fuoco a cataste di legno e di detriti mentre, nelle strade del circondario – via Graf, via Grazia Deledda e viale lonio – è iniziato un carosello di inseguimenti, sassaiole, cassonetti bruciati, lancio di lacrimogeni. La Nomentana, all’ora di punta, è stata paralizzata da un sit-in improvvisato e da due mezzi dell’Atac che sono stati messi di traverso al centro della carreggiata. Poi, quando tutto lasciava presagire l’assalto finale, il clima si è placato. Sul posto sono arrivati il questore Vincenzo Sucato, il colonnello Leonardo Gallitelli, comandante della Regione carabinieri Lazio, il capo della Digos, Marcello Fulvi, il colonneUo Franco Mottola e, in una parola, il «Who’s Who» delle forze di polizia romane.
L’avvocato Antonia Di Maggio, che assiste i ragazzi del centro, ha ottenu-o una serie di condizioni per la «resa»: uscita piccoli gruppi, identificazione e denuncia per un reato di poco conto. Il comune, intanto, ha presentato un’istanza di dissequestro. Tutto risolto, almeno fino alla definitiva destinazione della Torre. O alla prossima occupazione.

L’Unita’

IL MESSAGGERO


Sei ore di guerriglia, con barricate e feriti.
Occupata “La Torre”, interviene la polizia: Finimondo.
Nomentana bloccata con i bus.
Sono le otto di sera, i leoncavallini abbandonano La Torre passando per uno stretto corridoio di poliziotti e carabinieri che li identificano prima di lasciarli andare. Si sono arresi, ma non hanno l’aria dei soldati sconfitti, nella pancia gli bolle la rabbia e la voglia di rivincita gliela leggi negli occhi.
Pomeriggio da cani a Casal de’ Pazzi, pezzo di città ai confini con San Basilio. Gli indiani del centro sociale la Torre hanno per la quarta volta rioccupato la loro casa e per la quarta volta le giacche azzurre li hanno buttati fuori. Le prime tre volte era filato tutto liscio, la quarta è successo il finimondo: polizia e carabinieri si sono presentati come fosse lo sbarco in Normandia, hanno assediato i ribelli e poi li hanno bombardati di lacrimogeni. Dalle barricate che ricordavano quelle delle cinque giornate di Napoli i ragazzi al principio hanno resistito, poi si sono arresi. E sulla Torre è stata ammainata la bandiera rossa ridotta uno straccio. Strano destino quella della Torre ex villa in campagna di Farinacci, il capo dello squadrismo fascistà più puro e duro, diventata dopo più di mezzo secolo il tempio dei rossi leoncavalimi romani.
Pomeriggio da cani, sei ore di guerriglia metropolitana come negli anni di piombo. E’ finita con due feriti, due ragazze, Sonia e Laura, travolte da una volante, e un ragazzino di colore sanguinante per le manganellate. Sei ore di paura, la Nomentana paralizzata da bus e cassonetti messi di traverso, migliaia di persone per strada: e un pugno di ragazzi che lassù sulla cima della collina non volevano mollare l’osso, La Torre che un anno fa avevano occupato per farci il posto dove incontrarsi, dove stare insieme, dove fare branco per sentirsi meno soli, meno abbandonati, meno disperati.
Erano duecento circa i ragazzi che hanno sfidato l’ordinanza di sgombero firmata dal sostituto procuratore Amato. Era un piccolo esercito (decine di automezzi, circa cinquecento tra poliziotti e carabinieri e due elicotteri) quello inviato a far rispettare la legge. L’ex villa di Farinacci, esemplare testimonianza di architettura fascista, è da tempo proprietà del Campidoglio e da quando è diventato un centro sociale tante e tante volte ai leoncavallini era stato promessa a chiacchiere l’assegnazione. E sicuramente l’altalena del Campidoglio sta dietro il pomeriggio da cani. E proprio ieri era prevista una riunione in Prefettura, un altro buco nell’acqua però, perchè l’assessore Canale non s’è presentato.
Contro quei ragazzi sono state firmate anche petizioni: mandateli via, occupano abusivamente e fanno casino, disturbano la quiete del quartiere. Ma non tutti la pensano così, c’è chi ii li difende: stanno lassù sulla collina, non danno fastidio a nessuno e poi da qualche parte dovranno pur stare i nostri figlioli. Il momento più caldo è stato intorno alle sette, quando un contingente di celerini in assetto da combattimento hanno preso isolato l’ex villa, pronti all’assalto finale. E’ stato a questo punto che il Campidoglio s’è fatto vivo con il presidente della commissione Alfari sociali Maurizio Bartolucci che è andato a parlamentare con gli assediati riuscendo alla fine a convincerli a abbandonare il centro sociale con la garanzia che non sarebbero stati arrestati, ma solo denunciati. E solo settanta a tarda sera era il numero complessivo dei denunciati. «La trattativa per l’assegnazione era a buon punto, stava andando bene. Non capisco proprio la necessità di far intervenire le forze dell’ordine», ha detto ai cronisti alla fine.
A Casal de’ Pazzi le operazioni di polizia erano dirette dal questore in persona Vincenzo Sucato e dal comandante provinciale dei carabinieri, colonnello Leonardo Galiteili. Tutto è cominciato vers’o le tre del pomeriggio quando un gruppo di giovani ha bloccato due autobus, ha fatto scendere passeggeri e autista, piazzandoli di traverso sulla via Noinentana. Intanto nella zona convergevano in forze carabinieri, polizia e anche i mezzi dei vigili del fuoco. Gli scontri sono cominciati un paio d’ore dopo quando i leoncavallini si sono barricati nel centro socia le. E dalle barricate lanciavano, sassi, bottiglie e tutto quello che avevano a portata di mano contro la polizia. «Anche noi abbiamo rischiato brutto», ha raccontato un agente che stava in prima linea. «Una decina di loro ci sono venuti addosso con mazzette e martelli…». In serata dall’ospedale il bollettino medico sulle condizioni delle due ragazze ferite. Sonia si è rotta il femore, Laura ha denti e naso rotti.

IL MANIFESTO
La polizia attacca la Torre. Ferite due ragazze.
E’ finita. Il lavoro di un anno è saltato tutto in un assurdo pomeriggio di polizia nel quartiere Talenti. L’inferno intorno ai centro sociale «La torre», è scoppiato verso le 17: la struttura di via Rousseau, sgomberata la settimana scorsa su ordine di un magistrato «ligio al dovere», è stata appena rioccupata da un centinaio di giovani, «determinati a riprendersì il diritto ad uno spazio.Ma la questura è più determinata di loro: alle 17.30, mentre nel raggio di due chilometri si scatena la caccia all’uomo, sul cielo di Montesacro volteggiano due elicotteri, un altro arriverà più tardi; le strade sono completamente chiuse da decine di blindati, il traffico impazzisce: dai mezzi scendono carabinieri e poliziotti, agitatissimi, spingono, insultano chiunque si avvicini. Le volanti schizzano veloci tra la gente e centrano in pieno due ragazze su un motorino che cercano di raggiungere il centro sociale; vengono portate ne1 vicino ospedale, una di loro ha una gamba rotta.
Ma è solo l’inizio: l’altro fronte di guerra è davanti al centro sociale assediato. Sembrano le scene surreali di un film americano. La carica è violentissima, la polizia spara lacrimogeni a raffica, che incendiano le sterparglie intorno al centro; l’aria è irrespirabile, qualcuno si sente male ma l’ambulanza non arriva. Dall’altra parte della barricata la reazione è altrettanto dura, ma a colpi di secchi di vernice e sass. Un blindato tenta di sfondare il cancello, ma rimane appeso sulla barricate fatta di pezzi di ferro e armadi: viene ricacciato indietro.
Ma la sproporzione è troppo forte, resistere è impossibile. La polizia, che ha già sgomberato tre volte il centro sociale, vuole farla finita. Si stringe a cerchio e prepara la seconda carida; stavolta anche con una ruspa al seguito. Arrivano, fina-mente i responsabili del comune, accolti con fischi dai ragazzi barricati nel centro, dove l’odore acre dei lacriniogeni costringe tutti fuori. Inevitabile, arriva la mediazione. I ragazzi, dopo una breve assemblea decidono di uscire, vengono identificati e denunciati.
Sono ormai le 20 il presidio di giovani in via Nomentana si è ingossato di rabbia e impotenza. za. Non capiscono l’accanimento del magistrato Amato contro il centro sociale. Anche il capo di gabinetto del comune, Barrera, rilascia l’ennesima nota di protesta contro chi «soffia sul fuoco della tensione ostacolando la via del dialogo e della responsabilità».
Ma i rapporti tra centri sociali e Campidoglio, ben avviati un anno fa con la delibera per l’assegnazione delle strutture occupate, sembrano ormai compromessi.